Situazione epidemiologica

Valutazione della situazione epidemiologica 26 Luglio 2021

Testo in attesa di traduzione - Testo originale in tedesco

Situazione generale

In Svizzera circolano diversi ceppi di SARS-CoV-2, tra cui di recente si è affermata come dominante la variante Delta (B.1.617.2). I parametri epidemiologici generali (numero di casi, ospedalizzazioni, numero di letti occupati in terapia intensiva, decessi) forniscono una visione globale senza distinguere tra i singoli ceppi. Fino a fine giugno 2021 tutti questi indicatori evidenziavano un rallentamento costante dell’epidemia. Da luglio 2021 vi sono chiari segnali che indicano un aumento costante. 

Dinamica

Sulla base dei dati attuali, riteniamo che l’epidemia di SARS-CoV-2 sia in costante aumento da alcune settimane. La media mobile a 7 giorni del tasso di riproduzione in Svizzera è stimata a 1,28 (1,11-1,44); tale dato riflette la situazione dei contagi del periodo dal 10.07 al 16.07.2021[1].

Le stime del tasso di riproduzione effettivo Re su base giornaliera per la Svizzera sono[2]:

  • 1,25 (intervallo di confidenza del 95%, IC: 1,11-1,4) sulla base dei casi confermati al 16.07.2021.
  • 1,31 (95% IC: 0,86-1,86) sulla base delle ospedalizzazioni al 10.07.2021. A titolo di confronto, il calcolo del tasso Re basato sui casi confermati è stimato, per lo stesso giorno, a 1,35 (95% IC: 1,18-1,53).
  • 1,53 (95% IC: 0,07-5,19) sulla base dei decessi al 04.07.2021. A titolo di confronto, il calcolo del tasso Re basato sulle ospedalizzazioni è stimato, per lo stesso giorno, a 1,55 (95% IC: 0,93-2,32). Il calcolo del tasso Re basato sui casi confermati è stimato, per lo stesso giorno, a 1,54 (95% IC: 1,38-1,7).

A causa dei ritardi nelle segnalazioni e delle oscillazioni dei dati, potrebbe essere necessario rettificare le valutazioni effettuate. Teniamo a precisare che i valori di Re rispecchiano l’evento infettivo con un certo ritardo, poiché trascorre del tempo tra il contagio e l’esito del test o l’eventuale decesso. Per i valori di Re basati sul numero di casi questo ritardo è di almeno 10 giorni, mentre per i decessi arriva fino a 23 giorni.

Parallelamente possiamo determinare i tassi di variazione per i casi confermati, le ospedalizzazioni e i decessi negli ultimi 14 giorni[3]. I casi confermati hanno registrato un aumento del 37% (IC: da 53% a 23%) alla settimana, le ospedalizzazioni del 59% (IC: da 131% a 10%). Si sono verificati solo singoli casi di decesso, il che rende impossibile stimare tendenze protratte nel tempo sulla base degli ultimi 14 giorni (cfr. tuttavia il tasso Re sulla base dei casi di decesso indicato sopra).  Questi dati rispecchiano la situazione dei contagi di diverse settimane fa.

Dalla nostra dashboard è possibile seguire la variazione del numero dei casi, delle ospedalizzazioni e dei decessi stratificata per età[4]. Si osserva un aumento statisticamente rilevante del numero di casi in tutte le fasce di età. L’aumento tra le persone nella fascia di età compresa tra i 65 e i 74 anni è attualmente il più marcato e ammonta a 153% (290%-66%) alla settimana. Il numero di ospedalizzazioni è a una sola cifra per tutte le fasce d’età, il che rende più difficoltosa la stima di tendenze protratte nel tempo.

Numeri assoluti

Il numero cumulato dei casi confermati degli ultimi 14 giorni è di 95 per 100 000 abitanti. La positività è attestata al 2,6% (situazione al 23.07.2021, ultimo giorno per il quale si attendono ancora solo poche segnalazioni tardive).

Il numero di pazienti COVID-19 nelle unità di terapia intensiva ha registrato un valore compreso tra 21 e 36[5] ricoverati negli ultimi 14 giorni (variazione pari al 31% (IC: da 60% a 8%) alla settimana).

Negli ultimi 14 giorni vi è stato un massimo un caso di decesso al giorno confermato in laboratorio.

Nuove varianti

Dalla settimana 26, Delta è la variante dominante in Svizzera,. Nella settimana 28, l’incidenza della variante Delta è stata del 96%.

A marzo 2021 la variante dominante in Svizzera era la variante Alpha[6],[7], la cui velocità di trasmissione è più elevata di circa il 50% rispetto al virus originario [8],[9],[10].     I vaccini a mRNA utilizzati in Svizzera sono altamente efficaci contro la variante Alpha [11],[12],[13].

Le varianti Beta (B.1.351) e Gamma (P.1), osservate per la prima volta in Svizzera nel primo trimestre del 2021, hanno registrato negli ultimi 14 giorni un’incidenza rispettivamente dello 0,1% e dello 0,5% secondo i rilevamenti [14].

La variante Delta, osservata originariamente in India e classificata come preoccupante o «variant of concern (VOC)» dall’agenzia Public Health England, è ora diventata la variante dominante in Svizzera. L’incidenza della variante Delta tra i casi sequenziati nella settimana 26 è stata del 67%, nella settimana 27 l’incidenza è salita all’85% per poi arrivare nella settimana 28 al 96% [15]. A causa del ritardo con cui viene eseguito il sequenziamento, tale incidenza potrebbe subire ulteriori modifiche, in particolare per quanto riguarda la settimana 28. Dall’aumento dell’incidenza della variante Delta è possibile calcolarne la trasmissibilità, più elevata del 67-75% rispetto alla variante Alpha[16].

La variante Delta è diventata nel frattempo dominante in molti Paesi tra cui il Regno Unito[17], gli Stati Uniti d’America, la Francia, la Germania, l’Italia e il Portogallo[18]. La maggiore trasmissibilità della variante Delta rispetto alla Alpha è stata stimata da uno studio della University of Warwick al 56% (intervallo di confidenza 95%: 34%-81%), illustrato in un preprint[19].  Secondo un preprint canadese[20] e uno studio scozzese[21], il tasso di ospedalizzazione legato alla variante Delta è del 74%-85% più elevato rispetto alla variante Alpha. Secondo un preprint di Public Health England[22] la protezione della vaccinazione contro la variante Delta è ridotta: dopo la prima dose di BNT162b2 (il vaccino BioNTech/Pfizer), l’efficacia contro la Delta è solo del 34% (invece del 51% contro la Alpha), dopo la seconda dose è dell’88% (invece del 93% contro la Alpha).    Il numero di casi nel Regno Unito ha ripreso ad aumentare da diverse settimane. Con una tempistica ritardata, nel paese ha ora ricominciato a crescere anche il numero di ricoveri in ospedale[23]. Nei Paesi esteri vicini, così come in Svizzera, l’inversione di tendenza verso un aumento del numero di casi si è verificata nella seconda metà di giugno. La preponderanza della variante Delta, combinata con l’aumento dei contatti, nasconde il pericolo di un ulteriore massiccio aumento del numero di casi nelle prossime settimane in Svizzera. Prevediamo inoltre un ulteriore aumento delle ospedalizzazioni, che a causa della più scarsa copertura vaccinale in Svizzera rispetto al Regno Unito[24] riguarderà probabilmente una parte più ampia dei contagiati.


Link:

[1] https://sciencetaskforce.ch/it/tasso-di-riproduzione/ e https://ibz-shiny.ethz.ch/covid-19-re-international//: Le stime del valore Re degli ultimi giorni possono subire delle leggere variazioni, che si verificano in particolare nelle regioni di piccole dimensioni, in caso di dinamiche dall’andamento variabile o di un numero di casi ridotto.

[2] https://sciencetaskforce.ch/it/tasso-di-riproduzione/ e https://ibz-shiny.ethz.ch/covid-19-re-international//: Le stime del valore Re degli ultimi giorni possono subire delle leggere variazioni, che si verificano in particolare nelle regioni di piccole dimensioni, in caso di dinamiche dall’andamento variabile o di un numero di casi ridotto.

[3]https://ibz-shiny.ethz.ch/covidDashboard/trends: A causa dei ritardi nelle segnalazioni, non vengono presi in considerazione per i casi confermati e per il numero di ospedalizzazioni/decessi rispettivamente gli ultimi 3 e 5 giorni.

[4] https://ibz-shiny.ethz.ch/covidDashboard/, Dashboard Time Series

[5] https://icumonitoring.ch

[6] https://cevo-public.github.io/Quantification-of-the-spread-of-a-SARS-CoV-2-variant/

[7] https://ispmbern.github.io/covid-19/variants/

[8] https://sciencetaskforce.ch/it/aggiornamento-scientifico-9-febbraio-2021/

[9] https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.03.05.21252520v2

[10] https://ispmbern.github.io/covid-19/variants/

[11] https://sciencetaskforce.ch/wissenschaftliches-update-07-april-2021/

[12] https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(21)00947-8/fulltext

[13] https://www.nejm.org/doi/pdf/10.1056/NEJMc2102179?articleTools=true

[14] https://cov-spectrum.ethz.ch/

[15] https://cov-spectrum.ethz.ch/

[16] https://cov-spectrum.ethz.ch/

[17] https://assets.publishing.service.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/994761/18_June_2021_Risk_assessment_for_SARS-CoV-2_variant_DELTA.pdf

[18] https://cov-spectrum.ethz.ch/

[19] https://assets.publishing.service.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/993358/s1288_Warwick_RoadMap_Step_4.pdf

[20] https://doi.org/10.1101/2021.07.05.21260050

[21] https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(21)01358-1/fulltext

[22] https://khub.net/documents/135939561/430986542/Effectiveness+of+COVID-19+vaccines+against+the+B.1.617.2+variant.pdf/204c11a4-e02e-11f2-db19-b3664107ac42

[23] https://coronavirus.data.gov.uk/details/healthcare

[24] https://sciencetaskforce.ch/en/scientific-update-of-6-july-2021/

Precedenti valutazioni:

Valutazione della situazione epidemiologica, 13 luglio 2021

Valutazione della situazione epidemiologica, 29 Giugno 2021

Valutazione della situazione epidemiologica, 21 Giugno 2021

Valutazione della situazione epidemiologica, 7 Giugno 2021

Valutazione della situazione epidemiologica, 31 Maggio 2021

Valutazione della situazione epidemiologica, 25 Maggio 2021

Valutazione della situazione epidemiologica, 11 Maggio 2021

Valutazione della situazione epidemiologica, 27 Aprile 2021

Valutazione della situazione epidemiologica, 12 Aprile 2021

Valutazione della situazione epidemiologica, 29 marzo 2021